QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Liceo Statale
Publio Virgilio Marone
AVELLINO

 

  ∼ Jean Piaget ∼

Piaget ‹piaˇʃè›, Jean. - Psicologo svizzero (Neuchâtel 1896 - Ginevra 1980), creatore della psicologia e dell'epistemologia «genetiche». Uno dei più importanti studiosi della psicologia infantile, P. elaborò una teoria sistematica dello sviluppo dell'intelligenza in cui l'evolversi del pensiero del bambino è spiegato alla luce dell'esigenza dell'organismo di adattarsi all'ambiente circostante.

Vita. Dopo essersi laureato in scienze naturali, P. si avvicinò allo studio della psicologia e alla psichiatria, prima a Zurigo e Parigi, poi a Ginevra. Frequentò la clinica psichiatrica di E. Bleuler, e i laboratori psicologici di G. F. Lipps e A. Binet. La collaborazione alle Archives de psychologie di E. Claparède lo avvicinò all'Istituto J.-J. Rousseau di Ginevra, dove entrò nel 1921 come direttore di ricerca, mentre approfondiva la conoscenza della «psicologia della forma» e ne assimilava il concetto del «campo» psichico. Nel 1923 iniziò un insegnamento di filosofia a Neuchâtel, donde nel 1929 passò a insegnare storia della scienza nell'università di Ginevra. È stato, dal 1952, prof. di psicologia genetica alla Sorbona e, in questa stessa università, dal 1955, docente di psicologia infantile; direttore del Centro internazionale di epistemologia genetica, primo presidente della Società svizzera di psicologia e condirettore del suo periodico, la Revue suisse de psychologie, dagli anni Quaranta. Dal 1951 socio straniero dei Lincei.

OPERE E PENSIEROAttraverso Bergson giunse a intuire la possibilità di un nuovo rapporto tra biologia e psicologia, in termini di «sviluppo». Alcune monografie (Le langage et la pensée chez l'enfant1923Le jugement et le raisonnement chez l'enfant1924La représentation du monde chez l'enfant1926La causalité physique chez l'enfant1927Le jugement moral chez l'enfant1932) avevano esposto i primi risultati delle ricerche di P. sulla psiche infantile: l'esistenza, nel bambino, di due linguaggi, «egocentrico» e «socializzato»; l'originario valore «giustappositivo» della congiunzione causale; l'indistinzione di io e mondo; il passaggio da una moralità «costrittiva» a una «cooperativa». La nomina a direttore del Bureau international de l'éducation (1929) lo indusse a interessarsi delle conseguenze pedagogiche delle sue teorie, mentre nuove ricerche, eseguite fra il 1935 e il 1941 con B. Inhelder e A. Szeminska, investirono altri aspetti dello sviluppo cognitivo della media infanzia (Le développement des quantités chez l'enfant1941La genèse du nombre chez l'enfant1941), e da esse prendeva corpo l'ipotesi di strutture, insite nell'attività cognitiva. La prima struttura analizzata da P. è stata il «gruppo» (1937), ma l'orientamento e l'interesse strutturalistici hanno dominato tutta la fase successiva del suo lavoro, determinandone intime correlazioni con la logica formale e la gnoseologia. Cominciava intanto a delinearsi il concetto di «epistemologia genetica» (Introduction à l'épistémologie génétique3 voll., 1950) quale «studio dei meccanismi attraverso cui si forma la conoscenza», con una duplice applicazione: all'ontogenesi del soggetto umano e alla storia del pensiero scientifico (Psychologie et épistémologie1970). Momento intermedio fra analisi della struttura cognitiva ed epistemologia era stata la determinazione dello sviluppo psichico in Psychologie de l'intelligence (1947). Lo sviluppo della psiche umana passa, secondo P., attraverso i seguenti «stadi»: intelligenza sensorio-motrice, prima dei diciotto mesi; periodo della rappresentazione preoperativa, fino ai sette-otto anni; periodo delle operazioni concrete, fra i sette e i dodici anni; periodo delle operazioni proposizionali o formali. In tale successione l'ordine è fisso, mentre la cronologia varia per fattori individuali o ambientali. L'asse evolutivo andrebbe dalle operazioni concrete alle simboliche, mediate queste ultime dal linguaggio. Nozione centrale della teoria piagettiana dello sviluppo psichico è lo «sfasamento» (décalage), per cui in dati soggetti può mancare la piena sincronia evolutiva. Tale variabilità soggettiva dello sviluppo, e l'esservi strutture cognitive agenti nel soggetto prima che egli ne sia consapevole, ha anche portato P. ad affiancare un «inconscio cognitivo» all'«inconscio affettivo» della psicanalisi. P. è stato anche attivo sul terreno della ricerca psicofisiologica con lavori sui meccanismi percettivi (Les notions de mouvement et de vitesse chez l'enfant e Le développement de la notion chez l'enfant1946La géométrie spontanée chez l'enfant, con B. Inhelder e A. Szeminska, 1960Les mécanismes perceptifs: modèles probabilistes, analyse génétique, relations avec l'intelligence1961), che hanno dato occasione, in particolare, a stimolanti confronti con l'assiomatica della relatività einsteniana, e a vivaci polemiche contro la psicofisica e il positivismo logico. È stato autore ed editore, con P. Fraisse, del vasto Traité de psychologie expérimentale (1963-65; trad. it. 1972-79), in 9 voll., opera fondamentale che riunisce i saggi dei più eminenti studiosi francesi.

 

 

In primo piano

Progetto TeenFormat

10 Giu, 2019

Il Progetto “Teenformat”, a cura dell’Associazione culturale “Visionair”, è stato…

Invito Erasmus

Invito alla manifestazione conclusiva di disseminazione Progetto Erasmus+KA201

27 Mag, 2019

Abbiamo il piacere di invitarvi alla manifestazione conclusiva di disseminazione…

Obbligo di presentazione della documentazione vaccinale

Thinking allowed in Athens

02 Mag, 2019

Some of the most important moments during the learning and teaching activities in…

Erasmus

Erasmus+ Thinking allowed

28 Gen, 2019

"THINKING ALLOWED - Teenage students have their say on Human Rights" nasce per…

EiPass

EiPass

29 Dic, 2018

Il nostro Istituto è stato accreditato come Ei-Center Academy EIPASS® cioè sede di…

URP

Liceo Statale Publio Virgilio Marone
Via Tuoro Cappuccini, 75
83100 Avellino AV
Tel: 08251643223
Fax: 08251643222
PEO:avpm06000c@istruzione.it
PEC:avpm06000c@pec.istruzione.it
Cod. Mecc. AVPM06000C
Cod. Fisc. 92067020641
Fatt. Elett. UFO32V
IBAN:IT27N0103015100000001348788